Richiesta duplicato tessera sanitaria, 'Facile come fare una telefonata'.
Scarichi e stampi il PDF
01/08/2006
Carmela Felice e Francesca Salvador
 
01 08 2006 - Edizione delle 12:30  
 
Richiesta duplicato tessera sanitaria

Facile come fare una telefonata

Anche per tale esigenza utilizzabile il servizio automatico che risponde all'848.800.333
 
L'istituzione della tessera sanitaria (che dovrà essere esibita dal cittadino ogni qual volta si recherà dal medico, ritirerà un medicinale in farmacia, prenoterà un esame in un laboratorio di analisi, eccetera) fa parte delle iniziative introdotte per potenziare il sistema di monitoraggio della spesa nel settore sanitario (sistema in cui sono coinvolti i cittadini, i medici, i farmacisti e tutti coloro che operano nel settore) e di appropriatezza delle relative prescrizioni.

La tessera funzionerà in base a un nuovo tipo di ricetta unica e standardizzata a livello nazionale, contenente un numero identificativo associato al medico prescrittore e le farmacie, tramite appositi lettori, trasmetteranno telematicamente i dati di spesa relativi a ciascuna prescrizione erogata.
Con tale strumento, lo Stato e le Regioni avranno la possibilità di effettuare una più efficace verifica dei punti di origine della spesa farmaceutica e delle prestazioni specialistiche, attraverso il monitoraggio dell'intero ciclo: dalla prescrizione all'erogazione dei servizi sanitari.

Dall'analisi dei dati, il ministero della Salute avrà la possibilità, inoltre, di definire azioni correttive o modificative adattando la propria politica all'effettiva esigenza dei cittadini.
A livello normativo, il sistema di monitoraggio della spesa sanitaria è disciplinato dall'articolo 50 del decreto legge n. 269 del 30 settembre 2003, convertito con modificazioni, nella legge n. 326 del 24 novembre 2003.

La tessera sanitaria (recapitata dalla Sogei, per il tramite dell'Agenzia delle entrate, a tutti i cittadini italiani e a coloro che hanno diritto all'assistenza sanitaria, immigrati con il permesso di soggiorno) sostituirà il vecchio tesserino di codice fiscale; pertanto, oltre ai dati sanitari, riporta sul fronte le informazioni contenute su detto tesserino.
Il retro della tessera contiene dati che la qualificano come Tessera europea di assicurazione malattia e può essere utilizzata da coloro che si recano, per un soggiorno temporaneo, in uno degli Stati Ue, in sostituzione del modello cartaceo E 111.
La stessa, inoltre, grazie all'uso dei caratteri in rilievo, è riconoscibile anche dalle persone non vedenti.

La tessera sanitaria, come detto, andrà lentamente sostituendo il codice fiscale per tutti i soggetti assistiti dal Sistema sanitario nazionale, e, proprio per questo, l'Agenzia delle entrate, come aveva fatto in precedenza per il codice fiscale, ha realizzato il servizio telefonico di richiesta del duplicato della tessera. Finora la stessa operazione poteva essere effettuata presso qualsiasi ufficio locale o via Internet, collegandosi al sito dell'Agenzia delle entrate. Dalla scorsa settimana, il servizio è erogato anche tramite il "Sistema Telefonico Automatico" dell'Agenzia delle entrate, che risponde al numero 848.800.333.

La richiesta del duplicato (possibile soltanto nei casi di smarrimento o furto ed effettuabile una sola volta nel corso dell'anno) si affianca alla richiesta attuale di duplicazione del tesserino di codice fiscale via telefono.
Al contribuente, una volta composto il numero 848.800.333 e scelta l'opzione 5, viene chiesto di digitare il proprio codice fiscale convertito in cifre. Il sistema, dopo averli letto, invita alla conferma, e, in caso positivo, avvia la procedura per l'invio tramite posta presso il domicilio fiscale del contribuente, in base ai dati noti all'Agenzia delle entrate. Il domicilio è quello rilevato dall'ultima dichiarazione dei redditi o comunicato all'Amministrazione.

Qualora non sia possibile l'invio del duplicato, il sistema fornisce dei messaggi con i quali il contribuente viene informato, nell'ipotesi di richiesta già inoltrata, che l'operazione è in corso presso l'ufficio locale e che la tessera verrà inviata il prima possibile; nell'ipotesi in cui nel corso dello stesso anno è stata già effettuata una richiesta, a seguito della quale il tesserino è stato già recapitato, il sistema informa dell'impossibilità di utilizzare il canale per un'ulteriore richiesta e della necessità di recarsi presso un ufficio locale dell'Agenzia.
 
Carmela Felice e Francesca Salvador

 
Allegati
Link esterni