Vai alla Guida generale a tutte le Applicazioni GB
 Contabilità
Guida all'uso
 
guida
lib
guida
lib
lib
lib
6 DDT - Fatture - Scadenziario
lib
7 Prima nota
lib
lib
lib
 7.2 La gestione della Prima nota
lib
lib
lib
 7.5 Utility
lib
guida
lib
lib
lib
11 Bilancio e Gestioni collegate
lib
 1. Piano dei conti/Causali - 1.1 Piano dei conti
 1. Antir 141_Plus per Professionisti (art. 141)
 1. Piano dei conti/Causali - 1.2 Importazione dei dati da procedure esterne
 1. Piano dei conti/Causali - 1.2 Causali Contabile
 1. Piano dei conti/Causali - 1.3 Conti Comuni
 1. Piano dei conti/Causali - 1.3 Causali Iva
 3. Clienti/Fornitori/Percipienti
 4. Cespiti
 4. Cespiti - 4.1 Tabelle
 4. Cespiti - 4.2 Anagrafe beni e calcolo
 4. Cespiti - 4.3 Calcoli
 4. Cespiti - 4.4 Dati per altre applicazioni
 4. Cespiti - 4.5 Utility
 5. Percipienti
 6. Fatture
 7. Prima Nota - 7.2 La gestione della Prima nota
 8. Schede contabili
 Prima Nota - 7.3.2 Elenco prima nota
 9. Gestioni Iva
 10. Libri obbligatori
 11. Bilancio e gestioni collegate
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.1 Bilancio di esercizio/Situazione contabile
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.2 Prospetti contabili
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.3 Prospetti fiscali
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.4 Indici di coerenza
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.5 Verifica dei minimi
 22. Bilancio Europeo 2009 - 22.1 Bilancio CEE
 22. Bilancio Europeo 2009 - 22.2 Nota integrativa/Relazioni/Verbali
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.1 Bilancio CEE IV direttiva
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.3 Calcolo delle imposte Correnti - Anticipate - Differite
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.2 Gestione completa della produzione del fascicolo in PDF/A e .Xbrl
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.4 Bilancio riclassificato
 21. Bilancio Europeo 2011
 21. Bilancio Europeo 2013
 31.8 Dichiarazione IVA Base
 31.8 Modello 770 Semplificato
 31.12 Studi di Settore 2010
 31.12 Studi di Settore 2011
 31.6 Dichiarazione Annuale IVA
 52.5 Comunicazione Iva nei paesi Black List
 52.1 Comunicazione Annuale Dati IVA
 52.2 Modelli Intracomunitari
 52.3 Dichiarazione di Intento
 52.4 TR - richiesta a rimborso
 33.1 Persone Fisiche
 33.2 Società di Persone
 33.3 Società di Capitali
 33.4 Enti Non Commerciali
 31.9 Dichiarazione Modello IRAP 2010
 31.9 Dichiarazione Modello IRAP 2011
 31.13 Dichiarazione Modello 730
 31.11 Gestione Terreni e Fabbricati (ICI)
 12. Regimi Speciali
 12. Regime del Margine
 1. Modello F23
 2. Modello F24
 2. Saldi di Bilancio
 21. Bilancio Europeo 2011 - Menù generale Bilancio
 21.2 Bilancio Europeo 2011 - Gestione completa della produzione del fascicolo in PDF/A e .Xbrl
7.2.1.1 - Prima Nota Iva
PRIMA NOTA IVA
 

Dopo aver inserito la data di registrazione e la causale contabile si procede con INVIO o con il TAB.
Se la causale contabile scelta non è corretta si può tornare indietro con la freccia sinistra.
Digitare il numero e la data del documento che si sta registrando


NB: nel caso di fatture di vendita, all'uscita del campo data documento, viene eseguito il controllo per visualizzare se si sta procedendo ad una registrazione già esistente in archivio. In tal caso tramite messaggio, l'utente viene avvisato che la registrazione che sta effettuando è già stata registrata in precedenza, quindi potrà decidere di uscire dalla maschera o di proseguire .


Clienti/Fornitori:  Lasciando il campo data del documento con INVIO o il TAB si apre l’anagrafica clienti/fornitori in base alla fattura che si sta registrando.

La maschera consente di visualizzare i “Clienti e i Fornitori della ditta” o gli “Altri nominativi della ditta” o i “Nominativi non abbinati alla ditta” dalla quale si possono selezionare clienti o fornitori.. All’interno della maschera è possibile effettuare la ricerca per codice cliente o fornitore, descrizione, codice fiscale, partita Iva, digitandoli nei campi gialli posti nella parte superiore della maschera stessa.

Se invece si conosce già il codice clienti/fornitore è sufficiente inserirlo digitandolo.

 

 
Per ogni cliente o fornitore, dalla tabella “Clienti e Fornitori della ditta” è possibile abbinare una o più causali Iva e uno o più contropartite predefinite cliccando il pulsante , posto in corrispondenza delle colonne “Causali predef.” e “Conti Predefiniti”, si aprirà l’anagrafica clienti/fornitori nella tab “Conti e causali.
 

1) ABBINA CAUSALI E CONTROPARITTE PREDEFINITE

Per ogni cliente o fornitore, dalla tabella “Clienti e Fornitori della ditta” è possibile abbinare una o più causali Iva e uno o più contropartite predefinite.
L’inserimento avviene tramite il pulsante .

Si apre una tabella con 2 sezioni :
- Causali Iva e Contropartite predefinite : per effettuare l’abbinamento aprire la tabella causali Iva/Piano dei conti con il tasto “F3” o con doppio click nel campo; se si inserisce più di una causale o più di una contropartita è possibile ridefinire anche la numerazione dell’ordine di scarico;

Dopo l’inserimento verranno visualizzati nella tabella a fianco del pulsante “Abbina”. Se si hanno più causali o più contropartite abbinate verrà messa la prima inserita e poi in successione i puntini.

Si possono ottenere diverse combinazioni : 

  -  Una sola causale Iva: verrà proposta la registrazione già completa della suddivisione dell’imponibile e dell’Iva, evidenziando , in base alla causale scelta, anche la parte di Iva detraibile. Il focus verrà posto nel campo dell’imponibile per variare eventualmente l’importo; (Immagine)

  -  Una sola contropartita: viene scaricata al passaggio dalla sezione relativa ai dati Iva a quella della registrazione in contabilità, proponendo l’importo del costo o del ricavo;

  - Una causale Iva e una Contropartita: dopo aver digitato l’importo, in automatico, scarica sia la causale che la contropartita ed il focus verrà posto nella casella dell’imponibile dell’Iva, di modo che sia possibile effettuare delle modiche. Risultando la registrazione già completa di tutti i dati si può direttamente salvare tramite il pulsante “Salva” oppure con la funzione “Esci”;

  -  Una sola causale Iva e più contropartite: verrà proposta la registrazione già completa della suddivisione dell’imponibile e dell’Iva, evidenziando , in base alla causale scelta, anche la parte di Iva detraibile. Inoltre propone anche le contropartite abbinate al cliente/fornitore con il totale dell’imponibile nel primo conto. Sarà sufficiente modificare l’importo per ottenere il riporto dell’imponibile nel secondo conto e cosi via, finché la registrazione non risulti chiusa;

  - Più causali Iva e una sola contropartita: dopo aver digitato l’importo, in automatico, scarica le causali Iva inserite come predefinite e l’importo dell’imponibile viene imputato nel primo rigo. Sarà l’utente a modificare l’imponibile e il residuo verrà riportato nella causale successiva, questo finché non risulti lo sbilancio. Il conto viene scaricato al momento del passaggio da registrazione Iva a registrazione contabilità , nel quale viene imputato il totale;

  - Più causali Iva e più contropartite: digitato l’importo, in automatico, scarica le causali Iva inserite come predefinite e l’importo dell’imponibile viene imputato nel primo rigo. Sarà l’utente a modificare l’imponibile e il residuo verrà riportato nella causale successiva, questo finché non risulti lo sbilancio. Le contropartite vengono scaricate al momento del passaggio da registrazione Iva a registrazione contabilità. L’imponibile viene imputato nel primo conto, starà all’utente a modificarlo e la parte restante verrà riportata nella seconda contropartita predefinita e cosi via, questo finché non risulti lo sbilancio.

NB: nel caso di fatture di acquisto, dopo l'inserimento del codice fornitore viene eseguito il controllo per visualizzare se si sta procedendo ad una registrazione già esistente in archivio. In tal caso tramite messaggio, l'utente viene avvisato che la registrazione che sta effettuando è già stata registrata in precedenza, quindi potrà decidere di uscire dalla maschera o di proseguire .


 
REGISTRAZIONI AI FINI IVA:


Totale registrazione:Digitare l’importo complessivo della fattura.

Data Operazione : se non coincide con quella di emissione, indicare la data di consegna/spedizione dei beni o prestazione di servizi, altrimenti confermando il passaggio il campo verrà compilato in automatico.

NB: la data inserita nel campo è quella di consegna/spedizione dei beni o prestazione di servizi.  Dal 2013, per le sole fatture di vendita l’esigibilità dell’iva si effettuerà in base a tale data.
 

 Per esempio:

-   se la fattura di vendita è datata 4 aprile, ma come data operazione riporta 30 marzo, l’iva viene liquidata nel mese dell’effettuazione dell’operazione, ovvero Marzo.

 Il campo “data operazione” è sottoposto a controlli con:

    -      la data fattura: questa non può essere superiore al 15 del mese successivo come previsto dalla legge. Se supera tale limite, l’utente viene avvisato tramite messaggio, ma potrà comunque procedere alla registrazione.

-      la liquidazione iva/registri iva: se nel periodo della data operazione è stata salvata/stampata la liquidazione iva/registri iva, in fase di salvataggio di prima nota, l’utente viene avvisato tramite messaggio che la data inserita non è corretta e che verrà direttamente variata con la data fattura.


Registro Iva : se è presente solo un registro iva per Acquisti/Vendite il campo non è mai editabile , ma viene proposto in automatico dalla procedura; Se ci sono più “Sezionali” per registri Iva Acquisti e Vendite, in fase di registrazione il focus viene posizionato anche su questo campo per effettuare la scelta del registro;

Protocollo Iva: E’ il numero progressivo con il quali il documento viene indicato sul registro Iva. Dopo avere inserito il codice cliente/fornitore il protocollo Iva viene inserito automaticamente successivo all’ultimo progressivo registrato o non proposto in base all’opzioni di scelta su “Opzioni di Utilizzo”;

Descrizione conto: Viene proposta automaticamente dalla procedura la descrizione del conto utilizzato, nel caso in cui siano utilizzati più conti per la stessa registrazione la descrizione proposta è quella del primo conto registrato. E’ possibile eliminare la descrizione o modificarla digitandone un'altra.

 
 

 

IVA: in base alla scelta effettuata in “Opzioni di Utilizzo” o nella tabella “Clienti e Fornitori”, sul campo si apre la tabella delle “causali Iva” o viene scaricata l’aliquota abbinata predefinita. All’interno della maschera è possibile effettuare la ricerca per codice o per descrizione digitando l’uno o l’altra nei campi gialli posti nella parte superiore della maschera stessa.

 

 

Se invece si conosce già il codice della causale Iva da utilizzare lo si può inserire semplicemente digitandolo.

Descrizione: In base alla causale Iva scelta in precedenza la procedura inserisce la descrizione relativa. Facendo DOPPIO CLICK sul campo delle descrizioni si apre la maschera “Causali Iva” dalla quale è possibile visualizzare tutte le causali Iva e le relative proprietà. E’ possibile altresì aggiungere o eliminare nuove causali Iva , duplicare quelle già esistenti e stampare l’elenco delle causali Iva.

Imponibile: Viene proposto automaticamente dalla procedura dopo aver inserito la causale Iva. Nel caso in cui si voglia modificare è necessario posizionarsi sul campo e digitare il nuovo imponibile.

Imposta: viene proposta automaticamente dalla procedura dopo aver inserito la causale Iva. Se l’imponibile proposto dalla procedura è stato precedentemente modificato anche l’imposta sarà automaticamente modificata. Nel caso in cui si voglia modificare è necessario posizionarsi sul campo e digitare la nuova imposta.

Detraibile: La procedura riporta automaticamente l’ammontare dell’imposta detraibile in base alla causale Iva scelta precedentemente.

Indetraibile : La procedura riporta in base all’aliquota iva scelta l’ammontare dell’imposta indetraibile.

Cess.b.amm: indicando il check in questo campo, visibile solo nel caso di utilizzo di una causale contabile che movimenta il registro delle vendite, la cessione viene indicata come relativa ad un bene ammortizzabile. In fase di predisposizione della Comunicazione Annuale Dati Iva e della Dichiarazione Iva tali importi sono riportati in automatico nei campi specifici in cui devono essere indicate le cessioni di beni ammortizzabili.
N.B. Il check può essere indicato solo in corrispondenza d’importi indicati con causali Iva “rilevanti” ai fini dell’imposta sul valore aggiunto che devono essere riportati in dichiarazione.
Il campo “Cess.b.amm.” può essere compilato utilizzando il mouse oppure selezionando il tasto “spazio” da tastiera.

Per eliminare una riga di registrazione posizionarsi su qualsiasi campo della stessa e premere CANC.

REGISTRAZIONE IN CONTABILITA’

 

Conto: in base alla scelta effettuata nella tabella “Clienti e Fornitori” o in “Opzioni di Utilizzo” , nel campo verrà scaricato il conto abbinato predefinito oppure si apre la tabella del piano dei conti , dal quale è possibile selezionare il conto. All’interno della tabella è possibile effettuare la ricerca per conto, per descrizione o per saldo digitandoli nei campi gialli posti nella parte superiore della maschera stessa. Inoltre si può scegliere di visualizzare il piano dei conti ad elenco o ad albero.

Se invece si conosce già il codice del conto da utilizzare lo si può inserire semplicemente digitandolo.

Descrizione conto: Viene proposta automaticamente dalla procedura. Effettuando DOPPIO CLICK nella descrizione del conto si apre il “Piano dei Conti”.

Importo: L’imponibile attribuito al conto viene riportato automaticamente. E’ possibile modificarlo digitando l’importo desiderato.

Descrizione: Viene proposta automaticamente dalla procedura la descrizione del cliente/fornitore. E’ possibile eliminare la descrizione o modificarla digitandone un'altra.

D/A: La procedura riporta automaticamente il segno D dare se il conto deve essere registrato in dare o A avere se il conto deve essere registrato in avere.

Se si utilizza un conto patrimoniale starà all’utente inserire il Dare o l’Avere.

Per completare la registrazione, inserendo il conto nella riga successiva e premendo INVIO/TAB/FRECCIA DESTRA, la procedura porrà automaticamente il valore ed il segno D o A ed in modo da quadrare il movimento .

Cancella: Per eliminare una riga di registrazione posizionarsi su qualsiasi     campo della stessa e premere CANC.

 

 

SALVA COME MODELLO Questo tipo di salvataggio consente prima di salvare la registrazione e poi di salvare la tipologia della registrazione. E’ necessario scegliere il gruppo, selezionandolo dalla maschera che si apre, ed inserire la descrizione della registrazione. Inoltre si può scegliere di salvare tale modello di registrazione con o senza gli importi. Tale registrazione verrà salvata consecutiva alle registrazioni tipo proposte dalla procedura nel gruppo selezionato. Le registrazioni tipo create dall’utente possono essere eliminate dal tasto elimina posto in fondo alla riga.



 

 

ELIMINA Per eliminare la registrazione.

ANNULLA Per annullare la registrazione.

SALVA Per salvare la registrazione quando si è terminata.

PAGAMENTO O RISCOSSIONE Questa funzione consente prima di salvare la registrazione e poi di effettuare la registrazione di pagamentoriscossione della stessa. La procedura propone la data di registrazione, la causale del movimento, il numero e la data del documento, il cliente o fornitore, la contropartita per chiudere la registrazione, la causale contabile , che è quella proposta nella testata della registrazione, e la descrizione


SCORRIMENTO REGISTRAZIONI – Posizionandosi sui pulsanti si scorrono le registrazioni (la successiva la precedente o la prima e  l’ultima). 

Dal 2018, è stato inserito il pulsante    (fattura elettronica) utile per distinguere la registrazione di una fattura elettronica da una fattura cartacea.

Questo check viene riportato automaticamente se la registrazione di prima nota viene effettuata:

  • dalla gestione fatturazione
  • dal modulo d’importazione XML

Nel caso in cui l’utente registra manualmente la fattura è comunque possibile inserire da input  il check.

All’interno dell’elenco prima nota sono state inserite due nuove colonne:

  • “Provenienza” in cui viene riportata l’applicazione dove è stata registrata la prima nota e in base all’origine riporterà: “fatturazione“, se proviene dalla gestione fatturazione, “Prima nota”, se la registrazione è stata effettuata manualmente o “import FE”, se la registrazione viene effettuata dalla gestione importazione Fattura elettronica XML, o “Console FE” se proviene dalla console;
  • “Fattura elettronica”, viene inserito il check se la registrazione riguarda una fattura elettronica.

N° doc. 11514 - aggiornato il 21/05/2013 - Autore: GBsoftware S.p.A
GBsoftware S.p.A. - Via B. Oriani, 153 00197 Roma - C.Fisc. e P.Iva 07946271009 - Tel. 06.97626336 - Fax 075.9460737 - info@gbsoftware.it