Vai alla Guida generale a tutte le Applicazioni GB
 Contabilità
Guida all'uso
 
guida
lib
guida
lib
lib
lib
6 DDT - Fatture - Scadenziario
lib
7 Prima nota
guida
lib
lib
lib
11 Bilancio e Gestioni collegate
lib
 1. Piano dei conti/Causali - 1.1 Piano dei conti
 1. Antir 141_Plus per Professionisti (art. 141)
 1. Piano dei conti/Causali - 1.2 Importazione dei dati da procedure esterne
 1. Piano dei conti/Causali - 1.2 Causali Contabile
 1. Piano dei conti/Causali - 1.3 Conti Comuni
 1. Piano dei conti/Causali - 1.3 Causali Iva
 3. Clienti/Fornitori/Percipienti
 4. Cespiti
 4. Cespiti - 4.1 Tabelle
 4. Cespiti - 4.2 Anagrafe beni e calcolo
 4. Cespiti - 4.3 Calcoli
 4. Cespiti - 4.4 Dati per altre applicazioni
 4. Cespiti - 4.5 Utility
 5. Percipienti
 6. Fatture - 6.3 Fatturazione
 7. Prima Nota
 8. Schede contabili
 Prima Nota - 7.3.2 Elenco prima nota
 9. Gestioni Iva
 10. Libri obbligatori
 11. Bilancio e gestioni collegate
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.1 Bilancio di esercizio/Situazione contabile
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.2 Prospetti contabili
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.3 Prospetti fiscali
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.4 Indici di coerenza
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.5 Verifica dei minimi
 22. Bilancio Europeo 2009 - 22.1 Bilancio CEE
 22. Bilancio Europeo 2009 - 22.2 Nota integrativa/Relazioni/Verbali
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.1 Bilancio CEE IV direttiva
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.3 Calcolo delle imposte Correnti - Anticipate - Differite
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.2 Gestione completa della produzione del fascicolo in PDF/A e .Xbrl
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.4 Bilancio riclassificato
 21. Bilancio Europeo 2011
 21. Bilancio Europeo 2013
 31.8 Dichiarazione IVA Base
 31.8 Modello 770 Semplificato
 31.12 Studi di Settore 2010
 31.12 Studi di Settore 2011
 31.6 Dichiarazione Annuale IVA
 52.5 Comunicazione Iva nei paesi Black List
 52.1 Comunicazione Annuale Dati IVA
 52.2 Modelli Intracomunitari
 52.3 Dichiarazione di Intento
 52.4 TR - richiesta a rimborso
 33.1 Persone Fisiche
 33.2 Società di Persone
 33.3 Società di Capitali
 33.4 Enti Non Commerciali
 31.9 Dichiarazione Modello IRAP 2010
 31.9 Dichiarazione Modello IRAP 2011
 31.13 Dichiarazione Modello 730
 31.11 Gestione Terreni e Fabbricati (ICI)
 12. Regimi Speciali
 12. Regime del Margine
 1. Modello F23
 2. Modello F24
 2. Saldi di Bilancio
 21. Bilancio Europeo 2011 - Menù generale Bilancio
 21.2 Bilancio Europeo 2011 - Gestione completa della produzione del fascicolo in PDF/A e .Xbrl
6.3.3 - La Produzione della Fattura con riporto del D.D.T.
L’art. 21 del Testo Unico dell’Iva disciplina gli obblighi del contribuente nella fatturazione delle operazioni. La fattura può essere emessa, in forma cartacea o in forma elettronica, per ciascuna operazione imponibile al momento della sua effettuazione. Il differimento della fatturazione è consentito per le cessioni di beni documentate da DOCUMENTO DI TRASPORTO che possono essere fatturate entro il 15 del mese successivo alle spedizioni.
Il D.d.T. deve essere emesso in 2 copie e contente informazioni ivi richieste. Tale documento può accompagnare le merci durante il trasporto o può essere spedito alla controparte entro le ore 24 del giorno di effettuazione del trasporto.
Le caratteristiche del documento di trasporto sono individuate dal comma 3 del D.P.R. 472/1996 e riguardano solo il contenuto dello stesso.
Dal D.d.T. devono risultare ;
-         numero progressivo attribuito
-         data di consegna o spedizione della merce
-         generalità del cedente, del cessionario e dell’impresa incaricata al trasporto
-         descrizione della natura , qualità e quantità dei beni ceduti
-         causale di trasporto quando sia diversa dalla vendita
 
Con il programma “Gbsoftware” è possibile effettuare “Fatture Immediate” e “Fatture Differite”.
Le “Fatture Immediate” si possono creare dal pulsante “FATTURE”.
Le “Fatture Differite” possono essere effettuate nel momento in cui sono stati predisposti dei documenti di trasporto, dalla sezione “D.d.T”.
Una volta che il D.d.T. ha come stato “Pronto da Fatturare” è possibile associarlo alla fattura dal pulsante “Elenco D.d.T”  .
I D.d.T. con questo tipo di stato nell’Elenco D.d.t. vengono inseriti nella seconda sezione :
 
 
 
A questo punto per creare la fattura occorre mettere il check in uno o più D.d.T. che si vuole associare e cliccare sul pulsante “ Crea nuova fattura”
 
 
Otterremmo il riporto in fattura dei seguenti dati :
 
 
 
Inserire la data fattura se diversa da quella proposta e cliccare nel pulsante “Salva”. Il programma richiede da quale numero di fattura si vuole iniziare. Digitarlo e premere Ok.
A questo punto dal pulsante “Stampa” sarà possibile stampare la fattura.
 
Come fare per modificare il contenuto di un D.d.T.
 
Per modificare il contenuto di un D.d.T. cliccare nel lucchetto posto su ogni riga. Questo permette l’abilitazione della riga e l’eventuale modifica. Effettuare il salvataggio prima di uscire.
 
Come associare un D.d.T. ad una fattura esistente
 
E’ possibile associare un “D.d.T. pronto da fatturare” ad una fattura già esistente se :
 
-         il D.d.T. appartiene allo stesso cliente
-         il D.d.T. non ha una data superiore alla fattura
-         la fattura non sia stata spedita ( check posto su “Spedita”)
-         la fattura non sia stata registrata in contabilità
Questa procedura si effettua dall’Elenco D.d.T. nella seconda tabella “Proni da fatturare” . Dopo aver posto il check nel d.d.t. da allegare cliccare su “Accoda a fattura esistente”
 
Verrà aperta la maschera dell’Elenco Fatture dove saranno riepilogate le fatture dello stesso cliente e con data successiva al D.d.T. Selezionare con il click la fattura,  in automatico avverrà il riporto dei dati del D.d.T. in fattura.
 
N° doc. 12172 - aggiornato il 31/03/2010 - Autore: GBsoftware S.p.A
GBsoftware S.p.A. - Via B. Oriani, 153 00197 Roma - C.Fisc. e P.Iva 07946271009 - Tel. 06.97626336 - Fax 075.9460737 - info@gbsoftware.it