Vai alla Guida generale a tutte le Applicazioni GB
 Dichiarazioni dei redditi
Guida all'uso
 
lib
Dichiarazioni Fiscali 2022
lib
Dichiarazioni Fiscali 2021
lib
Dichiarazioni Fiscali 2019
lib
Redditi 2022
lib
Redditi 2021
lib
Redditi 2019
lib
Persone Fisiche 2019
lib
lib
lib
Enti non Commerciali 2019
guida
 1. Piano dei conti/Causali - 1.1 Piano dei conti
 1. Antir 141_Plus per Professionisti (art. 141)
 1. Piano dei conti/Causali - 1.2 Importazione dei dati da procedure esterne
 1. Piano dei conti/Causali - 1.2 Causali Contabile
 1. Piano dei conti/Causali - 1.3 Conti Comuni
 1. Piano dei conti/Causali - 1.3 Causali Iva
 3. Clienti/Fornitori/Percipienti
 4. Cespiti
 4. Cespiti - 4.1 Tabelle
 4. Cespiti - 4.2 Anagrafe beni e calcolo
 4. Cespiti - 4.3 Calcoli
 4. Cespiti - 4.4 Dati per altre applicazioni
 4. Cespiti - 4.5 Utility
 5. Percipienti
 6. Fatture
 7. Prima Nota
 8. Schede contabili
 Prima Nota - 7.3.2 Elenco prima nota
 9. Gestioni Iva
 10. Libri obbligatori
 11. Bilancio e gestioni collegate
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.1 Bilancio di esercizio/Situazione contabile
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.2 Prospetti contabili
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.3 Prospetti fiscali
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.4 Indici di coerenza
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.5 Verifica dei minimi
 22. Bilancio Europeo 2009 - 22.1 Bilancio CEE
 22. Bilancio Europeo 2009 - 22.2 Nota integrativa/Relazioni/Verbali
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.1 Bilancio CEE IV direttiva
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.3 Calcolo delle imposte Correnti - Anticipate - Differite
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.2 Gestione completa della produzione del fascicolo in PDF/A e .Xbrl
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.4 Bilancio riclassificato
 21. Bilancio Europeo 2011
 21. Bilancio Europeo 2013
 31.8 Dichiarazione IVA Base
 31.8 Modello 770 Semplificato
 31.12 Studi di Settore 2010
 31.12 Studi di Settore 2011
 31.6 Dichiarazione Annuale IVA
 52.5 Comunicazione Iva nei paesi Black List
 52.1 Comunicazione Annuale Dati IVA
 52.2 Modelli Intracomunitari
 52.3 Dichiarazione di Intento
 52.4 TR - richiesta a rimborso
 33.1 Persone Fisiche
 33.2 Società di Persone
 33.3 Società di Capitali
 33.4 Enti Non Commerciali
 31.9 Dichiarazione Modello IRAP 2010
 31.9 Dichiarazione Modello IRAP 2011
 31.13 Dichiarazione Modello 730
 31.11 Gestione Terreni e Fabbricati (ICI)
 12. Regimi Speciali
 12. Regime del Margine
 1. Modello F23
 2. Modello F24
 2. Saldi di Bilancio
 21. Bilancio Europeo 2011 - Menù generale Bilancio
 21.2 Bilancio Europeo 2011 - Gestione completa della produzione del fascicolo in PDF/A e .Xbrl
Gestione spese arredo immobili ristrutturati - Detrazione 50 per cento
Gestione spese per arredo immobili ristrutturati - Detrazione imposta del 50%

La gestione permette l’inserimento delle spese, sostenute per l’arredo degli immobili ristrutturati (acquisto di mobili, grandi elettrodomestici ecc.), per le quali spetta una detrazione d’imposta del 50% da indicare nel rigo RP57 di Redditi PF  e nel rigo E57 del Modello 730.

La detrazione spetta per un ammontare massimo di 10.000€ (limite riferito alla singola unità immobiliare).

 

Funzioni della Gestione

All’interno della gestione, per una corretta compilazione, è necessario indicare:

-      Descrizione dell’unità immobiliare: questo dato è obbligatorio perché serve ad identificare e distinguere l’immobile rispetto agli altri che si andranno ad inserire successivamente. Inoltre, a sinistra della descrizione, è presente un ulteriore campo “ID. Identificazione immobile” che è un numero progressivo attribuito in automatico dal software all’unità immobiliare. Questo campo permetterà successivamente all’utente di abbinare un ulteriore spesa sostenuta per la stessa unità immobiliare.

 

 

-      Anno di esecuzione dei lavori: dato obbligatorio

-      Percentuale di spesa sostenuta dal contribuente: dato obbligatorio

-      Spesa arredo immobile: Questo dato è fondamentale per il corretto calcolo della detrazione. Deve essere indicato il totale della spesa sostenuta a prescindere dalla percentuale di spesa effettivamente sostenuta dal contribuente.
 


 


In base a questi dati il software calcola:

 

-      Il totale delle spese indicate per l’unità immobiliare.

-      Il totale delle spese sostenute per la stessa unità immobiliare (compresa la spesa corrente) nella quale viene riportato il totale di tutte le spese sostenute per la stessa unità immobiliare; In questo modo l’utente può sapere, man mano che inserisce più schede di spesa, per la stessa unità immobiliare, qual è l’importo residuo sui 10.000€ di limite.

E’ possibile vedere il dettaglio di tutte le spese sostenute per la stessa unità immobiliare cliccando il pulsante .
 


 

-   Il limite di spesa che è un dato fisso e serve solo per ricordare all’utente che il limite di spesa per la quale si può usufruire della detrazione è di 10.000€.

-       La spesa arredo immobile nella quale viene riportato il totale complessivo della spesa sostenuta per l’unità immobiliare.    

 


      Successivamente il software riporta i dati come richiesti nel modello ministeriale:

 


 

-      N. Rata: calcolata in base all’anno di esecuzione dei lavori, precedentemente selezionato.

-      Spesa arredo immobili: spesa effettivamente sostenuta riproporzionata alla percentuale.

-      Importo rata: quota della rata da riportare in detrazione (spesa arredo immobili/10).

Nella sezione “Piano di ammortamento” è visualizzato il piano di ammortamento delle spese.
 

 

 Tasti funzione delle gestione



 :  Per inserire una nuova scheda di spesa
 

Nel momento in cui si procedere ad inserire una nuova spesa, il software verifica se ci sono delle schede inserite precedentemente e chiede all’utente, con un messaggio, se la spesa che si sta inserendo è relativa ad un unità immobiliare già presente.

 


 

Rispondendo “si” al messaggio, si apre una maschera che permette di abbinare la spesa corrente ad un unità immobiliare già presente. L’abbinamento è possibile anche per una spesa sostenuta in anni precedenti purché il limite non sia stato raggiunto.




Abbinando la nuova spesa ad un unità immobiliare già presente, la stessa acquisirà in automatico il suo “ID Identificazione”.
 


 

-      à si attiva solamente quando si procede ad inserere una nuova scheda. Permette di annullare l’operazione di inserimento dei dati nella scheda dove siamo posizionati.

-   : Per salvare i dati della spesa indicati.

-      : Per eliminare definitivamente la scheda dove siamo posizionati.

-      SCORRIMENTO SCHEDE: Per scorrere tutte le schede di spesa inserite nella gestione.

-      : Per importare le spese scaricate nell’anno di imposta precedente


     Questa funzione è disponibile solamente per chi l’anno scorso già utilizzava il software GB e ha caricato delle spese in questa sezione.

La prima volta che si apre la gestione, se ci sono delle spese presenti nel dichiarativo dell’anno precedente, il software avverte con un messaggio e permette all’utente di fare subito l’importazione.
 


 

Rispondendo “si” al messaggio il software esegue l’importazione e crea tante schede quante sono le spese sostenute l’anno precedente.

 

 In base all’anno di esecuzione dei lavori viene riportato il numero della rata di competenza di questo anno.
 


 


: Per uscire dalla maschera e scaricare le spese nel quadro.
 

 

 Nel caso in cui nella gestione vengono inseriti più di due spese relative ad unità immobiliari diverse, la procedura in automatico crea tanti moduli quante sono le spese.

 

Stampa di dettaglio

Per poter stampare il dettaglio delle schede è necessario posizionarsi nella sezione “STAMPA” e cliccare l’apposito pulsante
 

 

N° doc. 36094 - aggiornato il 03/04/2019 - Autore: GBsoftware S.p.A
GBsoftware S.p.A. - Via B. Oriani, 153 00197 Roma - C.Fisc. e P.Iva 07946271009 - Tel. 06.97626336 - Fax 075.9460737 - info@gbsoftware.it