Prova INTEGRATO GB
Vai alla Guida generale a tutte le Applicazioni GB
 
Controllo Millometro Torna indietro
N° doc. 21.888       Modifica
GbSoftware
 
guida
lib
lib
 7.2 La gestione della Prima nota
lib
lib
lib
 7.5 Utility
lib
 1. Piano dei conti/Causali - 1.1 Piano dei conti
 1. Antir 141_Plus per Professionisti (art. 141)
 1. Piano dei conti/Causali - 1.2 Importazione dei dati da procedure esterne
 1. Piano dei conti/Causali - 1.2 Causali Contabile
 1. Piano dei conti/Causali - 1.3 Conti Comuni
 1. Piano dei conti/Causali - 1.3 Causali Iva
 3. Clienti/Fornitori/Percipienti
 4. Cespiti
 4. Cespiti - 4.1 Tabelle
 4. Cespiti - 4.2 Anagrafe beni e calcolo
 4. Cespiti - 4.3 Calcoli
 4. Cespiti - 4.4 Dati per altre applicazioni
 4. Cespiti - 4.5 Utility
 5. Percipienti
 6. Fatture
 7. Prima Nota
 8. Schede contabili
 Prima Nota - 7.3.2 Elenco prima nota
 9. Gestioni Iva
 10. Libri obbligatori
 11. Bilancio e gestioni collegate
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.1 Bilancio di esercizio/Situazione contabile
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.2 Prospetti contabili
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.3 Prospetti fiscali
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.4 Indici di coerenza
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.5 Verifica dei minimi
 22. Bilancio Europeo 2009 - 22.1 Bilancio CEE
 22. Bilancio Europeo 2009 - 22.2 Nota integrativa/Relazioni/Verbali
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.1 Bilancio CEE IV direttiva
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.3 Calcolo delle imposte Correnti - Anticipate - Differite
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.2 Gestione completa della produzione del fascicolo in PDF/A e .Xbrl
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.4 Bilancio riclassificato
 21. Bilancio Europeo 2011
 21. Bilancio Europeo 2013
 31.8 Dichiarazione IVA Base
 31.8 Modello 770 Semplificato
 31.12 Studi di Settore 2010
 31.12 Studi di Settore 2011
 31.6 Dichiarazione Annuale IVA
 52.5 Comunicazione Iva nei paesi Black List
 52.1 Comunicazione Annuale Dati IVA
 52.2 Modelli Intracomunitari
 52.3 Dichiarazione di Intento
 52.4 TR - richiesta a rimborso
 33.1 Persone Fisiche
 33.2 Società di Persone
 33.3 Società di Capitali
 33.4 Enti Non Commerciali
 31.9 Dichiarazione Modello IRAP 2010
 31.9 Dichiarazione Modello IRAP 2011
 31.13 Dichiarazione Modello 730
 31.11 Gestione Terreni e Fabbricati (ICI)
 12. Regimi Speciali
 12. Regime del Margine
 1. Modello F23
 2. Modello F24
 2. Saldi di Bilancio
 21. Bilancio Europeo 2011 - Menù generale Bilancio
 21.2 Bilancio Europeo 2011 - Gestione completa della produzione del fascicolo in PDF/A e .Xbrl
Controllo Millometro
 

Controllo “Limite del Contante”

In base alla nuova legge di Stabilità per il 2016, con decorrenza primo gennaio 2016, il limite all’utilizzo del denaro contante è innalzato da €. 999,99, sino a €. 2.999,99. In particolare dal primo gennaio 2016 è vietato trasferire denaro contante o libretti di deposito postali o bancari al portatore o ancora titoli al portatore, in qualsiasi valuta, e a qualsiasi titolo, tra soggetti diversi, qualora il valore oggetto di trasferimento sia complessivamente pari o superiore a €. 3.000,00 (e non più €. 1.000,00). Superata questa somma, quindi, si rende necessaria, obbligatoriamente, la fruizione di strumenti di pagamento tracciabili, come ad esempio i bonifici bancari o postali, le carte di debito o di credito e gli assegni non trasferibili. A segnalare il mancato rispetto di tale normativa sono chiamati i soggetti destinatari della normativa “antiriciclaggio “, di cui al D.Lgs. n. 231/2007, come ad esempio istituti bancari, ma anche professionisti, come avvocati, notai e commercialisti, che in caso di anomalia nei pagamenti sono tenuti ad effettuare apposita segnalazione alla Ragioneria generale dello Stato competente.

Il testo ufficiale del Decreto Legge n.124/2019, collegato alla Legge di Bilancio 2020, prevede nuovi limiti all’uso del contante:

  • 3.000 euro: fino al 30 giugno 2020;
  • 2.000 euro: dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021;
  • 1.000 euro: dal 1° gennaio 2022.

La gestione del “Limite del Contante”

Al fine di agevolare il rispetto di tale limite, GBsoftware ha introdotto una serie di utility:

  • nel Piano dei Conti
  • in Prima nota
  • nell’Elenco prime note
  • nelle Schede

PIANO DEI CONTI

Dal piano dei conti di ogni ditta, attraverso la proprietà “Limite del Contante”, è possibile scegliere se assoggettare il conto al controllo per l’utilizzo del denaro contante nelle operazioni di importo superiore a 1.999,99€.

Per fare ciò, l’utente dovrà inserire il check  e salvare.  

Nel piano dei conti proposto da GBsoftware, tale proprietà è stata inserita per default nel conto “50000 – Cassa Contante”.

PRIMA NOTA

Le operazioni effettuate utilizzando conti soggetti a controllo “Limite del Contante”, per un importo superiore a 1.999,99€, in Prima Nota, sono monitorate al salvataggio delle registrazioni. Se l’importo è superiore al limite, la procedura segnala “l’irregolarità” con un messaggio di avviso.

Es: Pagamento fattura in contanti per € 2.500,00

Tuttavia, rispondendo “SI” al messaggio la registrazione sarà comunque salvata, ma sarà evidenziata nell’elenco prime note e schede contabili come prima nota irregolare (colore rosa pastello).

 

NB: Non sono soggette a controllo le operazioni tra conti con proprietà “limite del contante” e conti compresi nella voce “501** “

(Es. movimentazione in entrata per € 6.050,00 € da BANCA – “50100” a CASSA – “50000”)

ELENCO PRIME NOTE

Nell’elenco prime nota, è prevista la possibilità di visualizzare il riepilogo delle registrazioni irregolari tramite la colonna “Limite del Contante”.

All’apertura dell’elenco registrazioni la colonna non è visibile, per attivarla accedere alle “opzioni di caricamento” e inserire il check su “Visualizza colonna: Limite del contante”.

Le registrazioni superiori alla soglia limite sono evidenziate da un colore rosa pastello e in corrispondenza della riga nella colonna “Limite del contante” è presente il messaggio “Soggetta al limite”.