Prova INTEGRATO GB
Vai alla Guida generale a tutte le Applicazioni GB
 
Verifica Situazioni Minimi Torna indietro
N° doc. 23.749
GBsoftware S.p.A
 
lib
lib
lib
lib
 11.4 Indici di coerenza
lib
 1. Piano dei conti/Causali - 1.1 Piano dei conti
 1. Antir 141_Plus per Professionisti (art. 141)
 1. Piano dei conti/Causali - 1.2 Importazione dei dati da procedure esterne
 1. Piano dei conti/Causali - 1.2 Causali Contabile
 1. Piano dei conti/Causali - 1.3 Conti Comuni
 1. Piano dei conti/Causali - 1.3 Causali Iva
 3. Clienti/Fornitori/Percipienti
 4. Cespiti
 4. Cespiti - 4.1 Tabelle
 4. Cespiti - 4.2 Anagrafe beni e calcolo
 4. Cespiti - 4.3 Calcoli
 4. Cespiti - 4.4 Dati per altre applicazioni
 4. Cespiti - 4.5 Utility
 5. Percipienti
 6. Fatture
 7. Prima Nota
 8. Schede contabili
 Prima Nota - 7.3.2 Elenco prima nota
 9. Gestioni Iva
 10. Libri obbligatori
 11. Bilancio e gestioni collegate
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.1 Bilancio di esercizio/Situazione contabile
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.2 Prospetti contabili
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.3 Prospetti fiscali
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.4 Indici di coerenza
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.5 Verifica dei minimi
 22. Bilancio Europeo 2009 - 22.1 Bilancio CEE
 22. Bilancio Europeo 2009 - 22.2 Nota integrativa/Relazioni/Verbali
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.1 Bilancio CEE IV direttiva
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.3 Calcolo delle imposte Correnti - Anticipate - Differite
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.2 Gestione completa della produzione del fascicolo in PDF/A e .Xbrl
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.4 Bilancio riclassificato
 21. Bilancio Europeo 2011
 21. Bilancio Europeo 2013
 31.8 Dichiarazione IVA Base
 31.8 Modello 770 Semplificato
 31.12 Studi di Settore 2010
 31.12 Studi di Settore 2011
 31.6 Dichiarazione Annuale IVA
 52.5 Comunicazione Iva nei paesi Black List
 52.1 Comunicazione Annuale Dati IVA
 52.2 Modelli Intracomunitari
 52.3 Dichiarazione di Intento
 52.4 TR - richiesta a rimborso
 33.1 Persone Fisiche
 33.2 Società di Persone
 33.3 Società di Capitali
 33.4 Enti Non Commerciali
 31.9 Dichiarazione Modello IRAP 2010
 31.9 Dichiarazione Modello IRAP 2011
 31.13 Dichiarazione Modello 730
 31.11 Gestione Terreni e Fabbricati (ICI)
 12. Regimi Speciali
 12. Regime del Margine
 1. Modello F23
 2. Modello F24
 2. Saldi di Bilancio
 21. Bilancio Europeo 2011 - Menù generale Bilancio
 21.2 Bilancio Europeo 2011 - Gestione completa della produzione del fascicolo in PDF/A e .Xbrl
Verifica Situazioni Minimi
 
VERIFICA SITUAZIONE CONTABILE – CONTRIBUENTI MINIMI
 
La gestione si apre dal pulsante “Verifica situazione dei minimi”, presente nella scheda “Bilancio”.
 
 
La form si suddivide in tre schede:
 
 
che hanno lo scopo di aiutare l’utente a controllare i requisiti di permanenza nel regime dei minimi ed effettuare il calcolo anticipato dell'imposta sostitutiva.
 
 
 
La tabella "Verifica Ricavi" riporta l'importo dei ricavi registrati nell'anno, verifica il limite previsto in €.30.000 ed evidenzia la differenza come rimanenza.
 

 
Nel caso venga superato il limite di € 30.000 la procedura avverte con il seguente messaggio posizionato in fondo alla form.

 
Nel caso di superamento del limite dei ricavi o compensi per un ammontare superiore al 50% del limite imposto, ossia nel caso in cui l’ammontare dei ricavi o dei compensi superi la soglia di 45.000 euro, l’uscita dal regime si realizza nel medesimo anno in cui si supera tale importo, anche in questo caso la procedura avverte l’utente con il seguente messaggio:
 

 
 
Ai fini dell’applicazione del regime dei minimi, i contribuenti nel triennio solare precedente non devono aver effettuato acquisti di beni strumentali, anche mediante contratti di appalto e di locazione, anche finanziaria, per un ammontare complessivo superiore a 15mila euro art. 1 comma96, lett. b) Legge Finanziaria 2008.
Nella fase di accesso al regime e durante la sua applicazione, il rispetto del limite degli acquisti di beni strumentali deve essere verificato con riferimento al costo sostenuto al netto dell’imposta sul valore aggiunto, anche se non è stato esercitato il diritto di detrazione.
 
 
Nella tabella sono riportati i conti: 60411 / 60412 / 60900 / 60940 / 60941 ed anche i conti a sette cifre inseriti dall’utente con le stesse proprietà dei conti appena citati, come si sottolinea anche nella figura precedente.
I conti a sette cifre che hanno le stesse proprietà del 60412 / 60491, cioè deducibili al 50%, non sono controllati direttamente dalla procedura che riporta per intero il valore definito nella registrazione.
 
Nel caso si utilizzino questi conti nei seguenti casi di registrazioni composite la procedura li gestisce come segue:
 
    I.        Registrazioni con un solo conto e più causali iva
 
 
 
In questo caso il conto è riportato nella scheda “Verifica beni strumentali” per un ammontare pari all’imponibile.

 
 
 II.        Registrazioni con più conti ed una sola causale iva
 
 
 
In questo caso il conto è riportato nella scheda “Verifica beni strumentali” per un ammontare pari all’imponibile.

 
 
III.        Registrazioni con più conti e più causali iva
 
 
In questo caso la procedura riporta per intero il valore inserito nel conto, non codifica su quale conto deve essere fatto lo scorporo, però avvisa l’utente con un messaggio che si visualizza al momento dell’apertura della scheda “Verifica beni strumentali”.
 
 
Inoltre nella scheda i conti utilizzati in questa tipologia di registrazione sono evidenziati in rosso.
 
 
Per togliere questo “Alert” è sufficiente che l’utente riporti nel campo “Variazioni+/-” l’importo dell’iva da scorporare o comunque l’importo da aggiungere o togliere affinché il valore relativo al conto sia corretto.
 
Per l'anno corrente i valori vengono riportati direttamente dalle registrazioni effettuate, per gli anni precedenti gli importi saranno riportati nel caso in cui sia stata utilizzata l'applicazione GB. Nel caso di utilizzo di altro software i dati dovranno essere imputati manualmente.
 
Nel caso di superamento del limite €.15.000 la procedura avverte con il seguente messaggio:
 
 
La maschera Imp.sost. – Reg. Minimi è predisposta per il riporto nel quadro CM e pertanto ha, al suo interno, tutti i campi necessari per la compilazione del quadro Ministeriale.
 
La funzione principale di tale prospetto è quella di avere, nel corso dell’esercizio, una situazione provvisoria del contribuente relativa all’importo dell’imposta sostitutiva che dovrà versare in fase di Unico. Inoltre, a partire dall’anno d’imposta 2011, gli importi indicati nel prospetto vengono riportati direttamente nel quadro CM (ad eccezione dell'eventuale importo indicato nel campo CM9 - Perdite pregresse, perchè nel dichiarativo è presente un'apposita gestione per determinarlo) e lo stesso prospetto è visibile anche dal modello Unico.
 
All’apertura della maschera, la prima volta, l’utente deve indicare il tipo di soggetto:
 
 
Nel prospetto i dati contabili, derivanti dalle registrazioni contabili effettuate per il periodo d’imposta in cui si è posizionati, vengono riportati in automatico dalla procedura:
- Totale componenti positivi – da registrazioni contabilità
- CM5 - Totale componenti negativi
- CM7_1 - Contributi previdenziali e assistenziali
- Totale ritenute d’acconto da registrazioni in contabilità
 
La determinazione del reddito, per i contribuenti Minimi, avviene secondo il principio di “cassa”; in questo prospetto gli importi vengono riportati in base alle risultanze del prospetto contabile e pertanto è cura dell’utente stornare eventuali componenti positivi o negativi di reddito non incassati/pagati utilizzando gli appositi conti di “appoggio”
- 46015 - Ricavi/Onorari non riscossi
- 43015 - Costi/spese non pagati
 
Inoltre, se gestiti con l’applicazione F24, nel prospetto vengono riportati:
- CM16 - Eccedenza d'imposta risultante dalla precedente dichiarazione compensata del Mod.F24
- CM17_2 - Eccedenza compensata in F24
- Totale acconti versati - da applicazione F24
Fondamentale, per il riporto di tali importi nel prospetto, è l’indicazione della data di pagamento nell’applicazione F24.
 
Facendo doppio click in questi campi è possibile visualizzare il dettaglio dei dati riportati in automatico dalla procedura.
 
 
 
Gli altri dati richiesti nel prospetto devono essere indicati manualmente dall’utente.
 
Se l’utente vuole variare gli importi riportati in automatico dalla procedura lo può fare indicando direttamente nel campo l’importo desiderato e confermarlo con “Invio”: per il rigo in cui è stato modificato il valore viene visualizzato un lucchetto nella colonna “Forzato”.
 
La procedura ti chiede conferma dell’importo modificato

 
e te lo ricorda che è “forzato”!
 
 
 
Per togliere le forzature basta cliccare nella colonna forzato, in corrispondenza del lucchetto, e il valore viene ricalcolato in automatico dalla procedura, che chiede all’utente, anche in questo caso, conferma dell’operazione che sta effettuando.
 
Le modifiche effettuate nel prospetto devono essere salvata dall’utente con l’apposito pulsante “Salva”.
 
Quando il prospetto è “definitivo” l’utente può storicizzarlo con l’apposito pulsante “Storicizza”; da questo momento in avanti ogni modifica effettuate in contabilità non viene aggiornata nella maschera Imp. Sost-Reg. Minimi.
 
 
La procedura indica l’utente e la data in cui è avvenuta la storicizzazione e l’eventuale differenza dei valori riportati rispetto a quelli presenti in contabilità/applicazione F24.
 
 
 
Per “sbloccare” il prospetto basta cliccare nel tasto “Annulla Storicizzazione” e la maschera viene aggiornata.

 Documenti correlati
13/11/2008 - Autore: Agenzia delle Entrate
   Contribuenti Minimi: normativa di riferimento.
12/01/2009 - Autore: GBsoftware S.p.A
   Circolare n.░ 73 del 21/12/07 - Contribuenti Minimi
22/12/2011 - Autore: GBsoftware S.p.A
   Provv. Agenzia delle entrate n. 185825/2011
30/05/2012 - Autore: GBsoftware S.p.A
   Circolare dell Agenzia delle entrate N.17/E del 30 Maggio 2012
22/12/2011 - Autore: GBsoftware S.p.A
   Provv. Agenzia delle entrate n. 185820/2011
Info: 06 97626328