Prova INTEGRATO GB
Vai alla Guida generale a tutte le Applicazioni GB
 
Piano dei Conti e Causali Torna indietro
N° doc. 33.113
GBsoftware S.p.A.
 
 1. Piano dei conti/Causali - 1.1 Piano dei conti
 1. Antir 141_Plus per Professionisti (art. 141)
 1. Piano dei conti/Causali - 1.2 Importazione dei dati da procedure esterne
 1. Piano dei conti/Causali - 1.2 Causali Contabile
 1. Piano dei conti/Causali - 1.3 Conti Comuni
 1. Piano dei conti/Causali - 1.3 Causali Iva
 3. Clienti/Fornitori/Percipienti
 4. Cespiti
 4. Cespiti - 4.1 Tabelle
 4. Cespiti - 4.2 Anagrafe beni e calcolo
 4. Cespiti - 4.3 Calcoli
 4. Cespiti - 4.4 Dati per altre applicazioni
 4. Cespiti - 4.5 Utility
 5. Percipienti
 6. Fatture
 7. Prima Nota
 8. Schede contabili
 Prima Nota - 7.3.2 Elenco prima nota
 9. Gestioni Iva
 10. Libri obbligatori
 11. Bilancio e gestioni collegate
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.1 Bilancio di esercizio/Situazione contabile
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.2 Prospetti contabili
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.3 Prospetti fiscali
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.4 Indici di coerenza
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.5 Verifica dei minimi
 22. Bilancio Europeo 2009 - 22.1 Bilancio CEE
 22. Bilancio Europeo 2009 - 22.2 Nota integrativa/Relazioni/Verbali
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.1 Bilancio CEE IV direttiva
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.3 Calcolo delle imposte Correnti - Anticipate - Differite
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.2 Gestione completa della produzione del fascicolo in PDF/A e .Xbrl
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.4 Bilancio riclassificato
 21. Bilancio Europeo 2011
 21. Bilancio Europeo 2013
 31.8 Dichiarazione IVA Base
 31.8 Modello 770 Semplificato
 31.12 Studi di Settore 2010
 31.12 Studi di Settore 2011
 31.6 Dichiarazione Annuale IVA
 52.5 Comunicazione Iva nei paesi Black List
 52.1 Comunicazione Annuale Dati IVA
 52.2 Modelli Intracomunitari
 52.3 Dichiarazione di Intento
 52.4 TR - richiesta a rimborso
 33.1 Persone Fisiche
 33.2 Società di Persone
 33.3 Società di Capitali
 33.4 Enti Non Commerciali
 31.9 Dichiarazione Modello IRAP 2010
 31.9 Dichiarazione Modello IRAP 2011
 31.13 Dichiarazione Modello 730
 31.11 Gestione Terreni e Fabbricati (ICI)
 12. Regimi Speciali
 12. Regime del Margine
 1. Modello F23
 2. Modello F24
 2. Saldi di Bilancio
 21. Bilancio Europeo 2011 - Menù generale Bilancio
 21.2 Bilancio Europeo 2011 - Gestione completa della produzione del fascicolo in PDF/A e .Xbrl
Piano dei Conti e Causali
 
 
 
 
 
 
 
 

1.1 Piano dei conti
1.1.1 Introduzione

Il piano dei conti è costituito da un documento contenente tutti i conti utilizzati in una contabilità per redigere le scritture contabili.
Il compito generale del piano dei conti è quello di ottenere informazioni analitiche, attraverso i sotto-conti ma anche riassuntive, tramite i conti di mastro.
La struttura del piano dei conti, proposto dalla procedura GBsoftware, differisce a seconda del regime contabile, definito dall’utente nell’anagrafica al momento della creazione della ditta.
 

La maschera del piano dei conti è strutturata in tre sezioni:
1. Struttura del Piano dei conti e modalità di visualizzazione
2. Proprietà del Piano dei conti
3. Guida al piano dei conti
 

Torna su


1.1.2 Struttura, modalità di visualizzazione e ricerca 

1.1.2.1.Struttura del piano dei conti

Il Piano dei conti proposto dalla procedura è strutturato su 5 livelli:

Classe                           1                                            

Gruppo                          10

Conto                                100

Sotto-conto di 1° livello              1000

Sotto-conto di 2° livello                 10000

 

Classi del Piano dei conti:

Conti patrimoniali

1 – Fonti di finanziamento durevole

2 – Immobilizzazioni

3 – Rimanenze

4 – Crediti e debiti

5 – Liquidità

Conti economici

6 – Costi

7 – Ricavi

Conti d’ordine

9 – Conti d’ordine 

Il Sotto-conto di 2° livello del piano dei conti proposto dalla procedura può essere di 5 o 6 caratteri.

1.1.2.2 Modalità di visualizzazione

Il piano dei conti può essere visualizzato diverse modalità, che variano a seconda del regime contabile.

Regime impresa – ordinaria:


Regime impresa – semplificata (dal 2017):

Regime professionisti:

 

Regime forfetario:

1 – Elenco: permette di visualizzare tutti i sotto-conti al 5° livello

 

         Ad esempio:         10300 Riserva legale

                                    10500 Riserve statutarie

                                    10600 Riserva straordinaria

 

2 – Albero: permette di visualizzare le classi ed i gruppi

 

          Ad esempio:         1 – Fonti di finanziamento durevole

                                         11 – Patrimonio netto

                                                11 – Fondi per rischi economici

E’ possibile visualizzare tutti i livelli cliccando sul nome del conto che costituisce il “Gruppo”.


 

3 – Raccordo CEE: permette di visualizzare gruppi di conti con la struttura del Bilancio Cee, quindi con il raccordo CEE abbinato ad ogni conto. 

NOTA
La modalità di visualizzazione a "Raccordi Cee" è presente solo per i soggetti con Reg. Cont. Impresa e Reg. Cont. Agricoltura.

 

 

4 – Registro cronologico: permette di visualizzare gruppi di conti con la struttura del registro cronologico, quindi con il raccordo alle voci del registro abbinato ad ogni conto. 
 

 

NOTA
La modalità di visualizzazione a "Reg.cronologico" è presente solo per i soggetti con Regime contabile professionista.

Questa modalità di visualizzazione è disponibile solo dall’anno 2014.


5 – Raccordi dei conti ai redditi: permette di visualizzare gruppi di conti in base alla struttura prevista ai fini dell’integrazione con i Redditi. 

 

 

6 – Abbinamento forfetari: permette di visualizzare i gruppi di conti in base a quanto previsto ai fini dell’integrazione dei quadri LM e RS del dichiarativo.

7 - Visualizzazione espansa: permette di visualizzare “tutta” la descrizione del conto, che nella modalità “normale” è in parte nascosta. Questa è in’opzione di visualizzazione abbinabile alle altre.
 


 

Torna su

 

1.1.2.3 – Filtri nella visualizzazione dei conti

Dall’elenco totale del piano dei conti l’utente ha la possibilità di selezionare dei filtri per visualizzare solo i conti con determinate caratteristiche:

 



1 - Visualizza conti creati dall’utente: si visualizzano solo i conti a 7 o più cifre che l’utente ha inserito nel piano dei conti della ditta. All’interno vengono caricati anche i clienti e fornitori della ditta.

 

2 - Visualizza solo conti con saldo diverso da zero: è possibile selezionarla solo se     si sceglie la modalità di visualizzazione “Elenco”. Sono visualizzati solo i conti movimentati nelle registrazioni contabili che hanno un saldo diverso da zero.

 

3 - Visualizza conti nascosti: permette di visualizzare i conti per i quali  è stata attivata l’opzione “Conto nascosto”.  

4 - Visualizza conti non aggiornati: permette di visualizzare i conti aggiunti o modificati dalla Gbsoftware per i quali l’utente non ha ancora fatto l’aggiornamento.

Per la maggiori informazioni sul “blocco aggiornamento da “Piano dei conti GB” andare alla sezione successiva “Proprietà dei conti”.
 

1.1.2.4 – Ricerca dei conti

E’ possibile effettuare la ricerca sia per codice che per descrizione, scrivendo il testo direttamente nella barra di ricerca gialla.
 

 

La ricerca avviene contestualmente all’inserimento del testo nella barra di ricerca.

Torna su

 

 

1.1.3 Proprietà, funzionalità e utility

1.1.3.1 Proprietà dei conti

Nella maschera proprietà sono visualizzati i dati relativi ad ogni singolo conto selezionato nella finestra che contiene la struttura del piano dei conti.

 

In particolare sono riportati:

Codice - Descrizione e saldo del conto

 

Codice e descrizione conto contabilità esterna: è prevista la possibilità di inserire il codice e la descrizione del conto derivante da una precedente gestione contabile esterna.

 

Questa funzionalità non è per ora recepita all’interno del programma, pertanto nella varie parti, come per esempio prima nota e schede, sono visualizzati solo i codici e le descrizioni dei conti proposti da GB.

E’ possibile non visualizzare questi campi inserendo il check ”Nascondi conti contabilità esterna”.

 

 


: inserendo un check nella casella è possibile rendere il conto non visibile nel piano dei conti e di conseguenza nelle varie gestioni in cui viene utilizzato.

È importante sottolineare che i conti con “Saldo <>0” non possono essere nascosti.

: questa opzione è disponibile solo per i conti che iniziano per “500 – Cassa”, “501 – Banche c/c ordinario” e “502 – Depositi postali (stato patrimoniale attivo) e permette di evidenziarli in bilancio quando, avendo segno negativo, sono collocati tra le passività.

 Natura del conto: specifica se il conto selezionato è Patrimoniale o Economico e quindi se è un’ attività/passività oppure un costo/ricavo.



 

 : indica l’abbinamento del conto conto al piano dei conti Cee e in base a questi abbinamenti viene predisposto il bilancio europeo da depositare al registro imprese.

: nei conti “economici” è indicata la percentuale di deducibilità ai fini delle imposte dirette “II.DD” e dell’Irap

 

Questa proprietà permette, in fase di registrazione, d’imputare l’importo relativo ad un determinato costo, che ai fini delle imposte dirette e dell’ irap è parzialmente deducibile, solo ad un unico conto.

Inoltre, per gli utenti che non utilizzano il solo modulo della contabilità o che comunque utilizzano il prospetto delle riprese fiscali, di avere subito i dati relativi agli imponibili fiscali, senza tener conto delle scelte di tassazione che comunque vengono effettuate in fase di predisposizione del modello Unico.
 

La % di deducibilità Irap riguarda solo i soggetti che determinano la base imponibile in base all’art. 5 bis del D.Lgs. n. 446/97.

: questa proprietà è stata indicata per i conti con i quali si contabilizza l’acquisto di beni ammortizzabili il cui costo non è completamente deducibile, come ad esempio il conto 21301 Autovetture o conti simili. Quando si utilizzano conti con questa proprietà nella gestione dei cespiti viene dato un messaggio di avviso, in quanto l’ammortamento fiscale differisce da quello civile.

: la proprietà “conto soggetto a Millometro” viene utilizzata per indicare quale conto assoggettare al controllo dei € 1.000,00 in fase di salvataggio di una registrazione.
Per ulteriori informazioni su questa proprietà si rimanda alla guida on-line 7.3.3.2 – Controllo “Millometro”.

Dal 2016
in base alla nuova legge di Stabilità , il check sarà sostituito da il quale ha innalzato la soglia del limite del contante da 999,99 € a 2.999,99 €.

: la proprietà “Limite del Contante” viene utilizzata per indicare quale conto assoggettare al controllo dei € 3.000,00 in fase di salvataggio di una registrazione.


Per ulteriori informazioni su questa proprietà si rimanda alla guida on-line 7.3.3.2 – Controllo “Limite del Contante”. 

la proprietà “ritenuta” indica che il conto è relativo ad una ritenuta d’acconto, sia questa relativa a operazioni attive che operazioni passive. Questa proprietà permette di poter rilevare la ritenuta d’acconto anche nella registrazione dell’incasso/pagamento e comunque separatamente dalla fattura cui si riferisce.

Queste due proprietà sono disponibili dal periodo d’imposta 2014.

: questa proprietà è disponibile solo per i regimi contabili dei professionisti e permette il riporto delle ritenute in oggetto nella gestione “Riepilogo delle certificazioni da ricevere, nell’apposita sezione “Ritenute su bonifici”.

:  è visibile solo se si è posizionati su un conto relativo ad un cliente/fornitore. Questa funzione, se selezionata, permette di escludere dalla comunicazione “Dati fatture”, tutte le operazioni relative al cliente/fornitore.


 la proprietà “Ripartizione acquisti/Importazioni” è abilitata solo per alcuni conti e ha la funzione di integrare il rigo del quadro VF “Ripartizione totale acquisti e importazioni” della dichiarazione IVA e IVA BASE e il campo CD2_5 – “di cui acquisto beni ammortizzabili” della Comunicazione annuale Dati Iva. Nei conti GB, la proprietà è già valorizzata e non può essere modificata, invece in quelli dell’utente in fase di creazione viene inserita la stessa del conto padre, ma con possibilità di variarla. Il codice di ripartizione in prima nota automaticamente viene inserito tramite la funzione posta in Elenco Prima Nota pulsante “Ripartizione Acquisti”.

Per ulteriori chiarimenti consultare la guida on.line 7.3.3.1 - RIPARTIZIONE ACQUISTI/IMPORTAZIONI


: questa sezione, visibile solo nelle ditte con regimi contabili “professionisti”, evidenzia il raccordo del conto al registro cronologico/Incassi e pagamenti e di conseguenza al quadro RE del modello Redditi.



: questa sezione è visibile solo per le ditte con regime contabile “15 – Regime Forfetario”, evidenzia il raccordo del conto al “Prospetto fiscale”.

 questa sezione è visibile solo per le ditte con regime contabile “15 – Regime Forfetario”, evidenzia il raccordo del conto al quadro RS del modello Unico PF, in cui sono richieste informazioni relative allo svolgimento dell’attività. La gestione è attiva per i soli conti di costo e prevedere un doppio abbinamento “Impresa” e “Lavoro autonomo” poiché il piano dei conti per i forfettari è unico a prescindere dalla tipologia di reddito del soggetto. Pertanto un conto può avere un doppio raccordo. NB. Non tutti i conti hanno questo abbinamento, ma solo quelli richiesti nella sezione “Obblighi informativi” del quadro RS del modello Redditi.

 

 : questa sezione, visibile solo per le ditte con regime contabile “2 – Imprese in contabilità semplificata” e “32 – Agricoltura in contabilità semplificata” evidenzia il raccordo del conto nei redditi e nella dichiarazione Irap.

 


: togliendo il check permette di abilitare l’aggiornamento del piano dei conti per il conto specifico, che in un primo momento era stato bloccato dall’utente.
 



Per maggiori informazioni vedere - 1.1.3.4 Modifica del piano dei conti GBsoftware

Torna su

                       

1.1.3.2 Pulsanti per la gestione e l’inserimento dei conti

: utilizzare per inserire nuovi sotto-conti nella struttura, predefinita dalla procedura. Per maggiori informazioni consultare  il punto “xxxx   Inserimento nuovo conto”

:
{C}{C}{C}{C}{C}{C}elimina i nuovi sotto-conti inseriti. Non è possibile eliminare i conti base proposti da GBsoftware, che possono solo essere “nascosti” selezionando la proprietà “Conto nascosto”.

:
{C}{C}{C}{C}{C}{C}permette di salvare le modifiche apportate.

 

NB: Ricordiamo che i conti base proposti da GB possono essere personalizzati dall’utente solo nella “descrizione”.

: importa la struttura del piano dei conti. Questo pulsante è utile nel caso di contabilità separate ai fini Iva, in quanto all’apertura della contabilità viene importato subito il piano dei conti per “l’attività principale”; per le secondarie deve essere effettuato successivamente dall’utente cliccando questo bottone.

stampa la struttura del piano dei conti.

La procedura permette all’utente di creare una stampa personalizzata. Infatti dopo aver cliccato sul pulsante stampa si apre la finestra dalla quale si può scegliere, con un check, i dati da stampare a fianco di ogni singolo conto.

 



 

Stampa dei Clienti e Fornitori abbinati alla ditta  

E’ stata introdotta la possibilità di effettuare la stampa dei clienti e/o fornitori con il dettaglio dei dati anagrafici e il relativo saldo contabile. Per far questo occorre:

inserire il flag nelle relative caselle “Clienti” e “Fornitori

NB: verranno create per ogni selezione pagine distinte con il dettaglio. Inoltre per i fornitori le righe con lo sfondo rosa sono relative ai soggetti percipienti..

:
ha la funzione di eliminare il piano dei conti. Questa funzione deve essere utilizzata solo nel caso si voglia cambiare il piano dei conti importato (Esempio contabilità semplificata – ho importato piano dei conti imprese e non piano dei conti imprese semplificato e lo voglio cambiare). N.B. Questa operazione è possibile solo se i conti presentano tutti saldo zero.

:
{C}{C}{C}{C}{C}{C}supporta il cliente nel controllo di tutti quei sotto-conti inseriti da input per i quali non è stata definita in maniera esatta la percentuale di deducibilità II.DD.

Cliccando sul pulsante si apre una maschera nella quale viene riportato l’elenco dei conti per i quali non è stato impostata la % di deducibilità ai fini delle imposte dirette.
 


 

 

Torna su

 

 

1.1.3.3 Utility

{C}{C}{C}{C}{C}{C}Nella sezione “Utilità” con il pulsante “Copia conto su altre ditte..” è possibile esportare il conto selezionato nel piano dei conti di altre ditte.

 

Cliccando sul pulsante “Copia conto su altre ditte..” si apre la maschera, nella quale è possibile selezionare la ditta e l’anno su cui esportare il conto.

 

Torna su

 

1.1.3.4 Modifica del piano dei conti GBsoftware
 

Modifica dei conti da parte dell’utente

Nella struttura del P.C. proposto dalla procedura Gbsoftware, non si può eliminare o modificare alcuna proprietà dei conti, ma soltanto modificare la descrizione oppure inserire dei nuovi conti con le relative proprietà.

 

Modifica dei conti da parte di GBsoftware

Nel caso in cui GBsoftware modifica o inserisce nuovi conti, al momento in cui si apre la contabilità appare un messaggio in cui sono riportati i conti con le relative “Note di aggiornamento”. 

La form riporta:

-        Descrizione e numero del conto modificato

-        Saldo e Numero movimenti

Queste due colonne sono state inserite per dare all’utente la possibilità di controllare l’eventuale movimentazione contabile e quindi scegliere se fare o meno l’aggiornamento del conto

-        Data di modifica

-        Note di aggiornamento

-        Colonna “Blocca aggiornamento”.

È necessario sottolineare un aspetto importante che riguarda l’aggiornamento del Piano dei conti.

In caso di modifica “strutturale” del conto (cambiamento dell’aggancio al “Piano dei conti Cee” e/o modifica delle percentuali di deducibilità ai fini II.DD. e Irap) è consigliabile soffermarsi sul messaggio posto in fondo alla pagina per avvertire l’utente che l’aggiornamento del “Piano dei conti” non deve essere fatto se non si è certi di come potrebbe influire tale cambiamento sulla contabilità.

Nel caso l’utente sia certo delle modifiche e voglia procedere all’aggiornamento è sufficiente confermare l’operazione cliccando su .

 

Esempio

Aggiornamento del conto “70550 Contrib. e liberal. Da rateizz.” è stato modificato variando l’abbinamento nel “Piano dei conti Cee”:

-        Abbinamento precedente era in “A0005B Contributi in conto esercizio”

-        Abbinamento corrente in “A0005C Contributi in conto capitale”

 


L’esempio deve essere preso a riferimento perché l’utente che avesse già utilizzato il conto rischia di modificare erroneamente la contabilità nel caso accetti l’aggiornamento senza prendere coscienza delle nuove proprietà del conto.       

Il problema dell’aggiornamento e quindi del cambiamento erroneo della contabilità può verificarsi nel caso in cui l’utente abbia presentato:

-              Modelli dichiarativi

-              Bilancio europeo.

Quindi il problema è “reale” solo nel caso in cui ci sia una movimentazione del conto nell’anno che può essere riscontrata, istantaneamente nella colonna “Saldo e Numero movimenti” all’apertura della form per l’abilitazione dell’aggiornamento. 

Nel caso dell’esempio sopra, in cui varia il “Bilancio europeo”, l’utente potrebbe bloccare l’aggiornamento del conto nell’annualità in cui è stato utilizzato per poi sbloccarlo nell’anno successivo, così da utilizzare il conto correttamente secondo le modifiche apportate.

In tale situazione l’utente può inserire un “flag” nella colonna “Blocca aggiornamento” all’aperura della form “Aggiornamento piano dei conti per l’anno__”.  

L’utente per sbloccare l’aggiornamento  del conto deve:

1.            Aprire la form “Piano dei conti / Casuali” dall’applicazione “ContBil”

2.            Posizionarsi sulla scheda “Piano dei conti”

3.            Inserire il flag “ Visualizza conti non aggionati”

4.            Evidenziare il conto che si vuole aggiornare

5.            Togliere il flag “Blocca aggiornamento da piano dei conti GB”

6.            Salvare l’operazione, infatti l’aggiornamento sarà effettivo solo dopo il salvataggio dell’operazione.
 


 

Se l’utente ha dei dubbi sulle modifiche effettuate sul conto può consultare la guida al piano dei conti specifica per il singolo conto, infatti dopo aver aggiornato il conto la form che include la colonna “Note di aggiornamento” non è più visibile.
 

Torna su

1.1.4 Guida al piano dei conti

In questa maschera sono inserite le descrizioni tecniche e normative che regolano ogni classe di conti.
 


 

Torna su

 

1.1.5 Importazione del piano dei conti

La prima operazione che viene eseguita in automatico dopo l’abilitazione della contabilità è l’importazione del piano dei conti.

La procedura informa l’utente della necessità di effettuare tale operazione con il messaggio:

 

 

Quando viene aperta la form per l’importazione vengono proposti all’utente il/i piano/i dei conti “compatibili” con il regime contabile indicato in anagrafica della ditta nell’esercizio per il quale è stata abilitata la contabilità:

 

{C}{C}{C}{C}{C}{C}Regime contabile ordinario (Codice 1) -> Piano dei conti imprese


Regime contabile semplificato (Codice 2) -> Piano dei conti impresa – contabilità semplificata
 

I soggetti in contabilità semplificata, di cui all’art. 18 D.P.R. 600/73, non hanno gli obblighi di cui all’art.13 e seguenti dello stesso decreto, se non quello di tenuta dei registri Iva. Pertanto il piano dei conti imprese in contabilità semplificata è ridotto rispetto al piano dei conti imprese, in quanto mancano i conti patrimoniali non necessari alla tenuta della contabilità con questo regime:
 


Regime contabile dei minimi (codice 7) à Piano dei conti contribuenti minimi

 

Per i soggetti che adottano il regime dei minimi è stato predisposto un apposito piano dei conti, in quanto la determinazione del reddito per questa categoria è "particolare" e non rientra nelle regole indicate nel testo unico delle imposte dirette (DPR 917/86).

 

 

Esempio: per i contribuenti minimi i costi relativi a telefonia, autovetture, autocaravan, ciclomotori e motocicli rilevano sempre nella misura del 50%.

 


 

Regime contabile professionista ordinario (Codice 21) -> Piano dei conti professionisti 

Regime contabile professionista semplificato (Codice 22) -> Piano dei conti professionisti
 

 

Inoltre è possibile importare: