Prova INTEGRATO GB
Vai alla Guida generale a tutte le Applicazioni GB
 
Enti non commerciali, enti del terzo settore, imprese sociali, società sportive dilettantistiche: le regole base per il corretto utilizzo della contabilità GB Torna indietro
N° doc. 38.538
G.B. Software S.p.a.
 
guida
lib
lib
 7.2 La gestione della Prima nota
lib
lib
lib
 7.5 Utility
lib
 1. Piano dei conti/Causali - 1.1 Piano dei conti
 1. Antir 141_Plus per Professionisti (art. 141)
 1. Piano dei conti/Causali - 1.2 Importazione dei dati da procedure esterne
 1. Piano dei conti/Causali - 1.2 Causali Contabile
 1. Piano dei conti/Causali - 1.3 Conti Comuni
 1. Piano dei conti/Causali - 1.3 Causali Iva
 3. Clienti/Fornitori/Percipienti
 4. Cespiti
 4. Cespiti - 4.1 Tabelle
 4. Cespiti - 4.2 Anagrafe beni e calcolo
 4. Cespiti - 4.3 Calcoli
 4. Cespiti - 4.4 Dati per altre applicazioni
 4. Cespiti - 4.5 Utility
 5. Percipienti
 6. Fatture
 7. Prima Nota
 8. Schede contabili
 Prima Nota - 7.3.2 Elenco prima nota
 9. Gestioni Iva
 10. Libri obbligatori
 11. Bilancio e gestioni collegate
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.1 Bilancio di esercizio/Situazione contabile
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.2 Prospetti contabili
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.3 Prospetti fiscali
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.4 Indici di coerenza
 11. Bilancio e gestioni collegate - 11.5 Verifica dei minimi
 22. Bilancio Europeo 2009 - 22.1 Bilancio CEE
 22. Bilancio Europeo 2009 - 22.2 Nota integrativa/Relazioni/Verbali
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.1 Bilancio CEE IV direttiva
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.3 Calcolo delle imposte Correnti - Anticipate - Differite
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.2 Gestione completa della produzione del fascicolo in PDF/A e .Xbrl
 21. Bilancio Europeo 2010 - 21.4 Bilancio riclassificato
 21. Bilancio Europeo 2011
 21. Bilancio Europeo 2013
 31.8 Dichiarazione IVA Base
 31.8 Modello 770 Semplificato
 31.12 Studi di Settore 2010
 31.12 Studi di Settore 2011
 31.6 Dichiarazione Annuale IVA
 52.5 Comunicazione Iva nei paesi Black List
 52.1 Comunicazione Annuale Dati IVA
 52.2 Modelli Intracomunitari
 52.3 Dichiarazione di Intento
 52.4 TR - richiesta a rimborso
 33.1 Persone Fisiche
 33.2 Società di Persone
 33.3 Società di Capitali
 33.4 Enti Non Commerciali
 31.9 Dichiarazione Modello IRAP 2010
 31.9 Dichiarazione Modello IRAP 2011
 31.13 Dichiarazione Modello 730
 31.11 Gestione Terreni e Fabbricati (ICI)
 12. Regimi Speciali
 12. Regime del Margine
 1. Modello F23
 2. Modello F24
 2. Saldi di Bilancio
 21. Bilancio Europeo 2011 - Menù generale Bilancio
 21.2 Bilancio Europeo 2011 - Gestione completa della produzione del fascicolo in PDF/A e .Xbrl
Enti non commerciali, enti del terzo settore, imprese sociali, società sportive dilettantistiche: le regole base per il corretto utilizzo della contabilità GB
 

Enti non commerciali, enti del terzo settore, imprese sociali, società sportive dilettantistiche: le regole base per il corretto utilizzo della contabilità GB

 

Enti non commerciali (ENC), enti del terzo settore (ETS), imprese sociali e società sportive dilettantistiche (SSD), pur avendo numerose similitudini con le imprese, godono di tutta una serie di peculiarità normative (fiscali e non). Da qui la necessità, per l’inserimento e la corretta gestione di un ente appartenente ad una di queste categorie, dell’esecuzione di una serie di operazioni all’interno della piattaforma GB.

 

Le regole del gioco…

Sotto numerosi aspetti, l’operatività per gli enti in oggetto non è molto diversa rispetto a quella prevista per le imprese. Di seguito, quindi, verranno illustrate solo le differenze operative. I punti in cui queste differenze si articolano sono:

 

1.Anagrafica

2.Contabilità

2.1.Piano dei conti

2.2.Prima nota

 

 

ENTI CON SCRITTURE GIA' PRESENTI

Nel caso di enti con scritture già presenti nel 2022 e per cui sono state effettuate scritture contabili si rimanda al documento Passaggio ai nuovi regimi contabili per Enti del Terzo Settore ed Enti Non Commerciali già presenti nel 2022. Allo stesso documento si rimanda nel caso in cui siano presenti scritture effettuate nel 2023 con i vecchi piani dei conti, anche per queste andrà effettuato il raccordo con le medesime modalità del 2022.

 

 

1.Anagrafica

Rispetto alla procedura di inserimento “tradizionale” di un cliente non ci sono grosse differenze. I campi con i dati sono gli stessi:

 

 Inserimento di un ente non commerciale "puro"

Indicando solo il codice fiscale numerico, la procedura identifica il soggetto come ente non commerciale e disabilita alcune sezioni dedicate ai dati di un soggetto con partita Iva.

 

Dati fiscali / Contabilità

Tipologia soggetto

La prima cosa da impostare è la tipologia del soggetto, cliccando sul pulsante  accanto a Situazione DittaI campi di questa sezione sono abilitati in base alla tipologia del soggetto che si sta inserendo.

Esempio di possibilità di scelta della Tipologia Soggetto

 

 Importanza della “commercialità” o della “non commercialità” dell’ente in inserimento

Molta attenzione deve essere posta nella scelta tra “commerciale” e “non commerciale” sia in fase di inserimento di una nuova anagrafica, sia nel corso della vita della stessa, si veda “Anagrafica delle ditte: perdita della qualifica di ente non commerciale tra vecchia e nuova normativa non ancora in vigore”.

 

Attività

Regime contabile

Sia gli enti non commerciali che gli enti del terzo settore sono dotati di peculiari regimi contabili. Le imprese sociali, invece, condividono il regime contabile con le imprese ordinarie (fatto salvo per le SSD in regime 398/1991). L’impostazione avviene, come di consueto, con l’apposito pulsante:

 

Di seguito l’elenco dei nuovi regimi contabili specifici per enti non commerciali, enti non commerciali in regime ai sensi della L. 398/1991 (associazioni sportive dilettantistiche, ASD), enti del terzo settore ed imprese in regime ai sensi della L. 398/1991 (SDD impresa sociale e non):

 

Regimi contabili per impresa:

98. Società Sportive Dilettantistiche in regime ai sensi della L. 398/1991

 

Regimi contabili per ente:

41. ETS in contabilità ordinaria – bilancio per competenza

 

42. ETS in contabilità ordinaria – bilancio per cassa

 

43. ETS in contabilità semplificata – bilancio per competenza

 

44. ETS in contabilità semplificata – bilancio per cassa

 

51. Ente Non Commerciale in contabilità ordinaria – bilancio per competenza

 

52. Ente Non Commerciale in contabilità ordinaria – bilancio per cassa

 

53. Ente Non Commerciale in contabilità semplificata – bilancio per competenza

 

54. Ente Non Commerciale in contabilità semplificata – bilancio per cassa

 

98. Ente Non Commerciale in regime ai sensi della L. 398/1991 – bilancio per competenza

 

99. Ente Non Commerciale in regime ai sensi della L. 398/1991 – bilancio per cassa

 

 Imprese sociali

Le imprese sociali non SSD adottano il regime contabile 1 comune alle imprese in contabilità ordinaria e conseguentemente valgono le considerazioni per quella categoria di enti.

 

Questi nuovi regimi sono collegati ai seguenti piani dei conti ed ai seguenti quadri dichiarativi:

Regime contabile

Piano dei conti

Quadro dichiarativo

 

98. Società Sportive Dilettantistiche in regime ai sensi della L. 398/1991

 

Imprese 398

F

 

41. ETS in contabilità ordinaria – bilancio per competenza

 

ETS competenza

F

 

42. ETS in contabilità ordinaria – bilancio per cassa

 

ETS cassa

F

 

43. ETS in contabilità semplificata – bilancio per competenza

 

ETS competenza

G

 

44. ETS in contabilità semplificata – bilancio per cassa

 

ETS cassa

G

 

51. Ente Non Commerciale in contabilità ordinaria – bilancio per competenza

 

ENC competenza

F

 

52. Ente Non Commerciale in contabilità ordinaria – bilancio per cassa

 

ENC cassa

F

 

53. Ente Non Commerciale in contabilità semplificata – bilancio per competenza

 

ENC competenza

G

 

54. Ente Non Commerciale in contabilità semplificata – bilancio per cassa

 

ENC cassa

G

 

98. Ente Non Commerciale in regime ai sensi della L. 398/1991 – bilancio per competenza

 

ENC 398 competenza

G

 

99. Ente Non Commerciale in regime ai sensi della L. 398/1991 – bilancio per cassa

 

ENC 398 cassa

G

 

 

 ETS in regime ai sensi della L. 398/1991

Fino all’entrata in vigore del Titolo X del D.Lgs 117/2017 (a decorrere dal periodo di imposta successivo all'autorizzazione della Commissione europea), potranno esistere ETS in regime fiscale ai sensi della L. 398/1991. In questo caso si faccia riferimento alle istruzioni relative al checkpresenti più avanti.

 

 ETS commerciale

Per gli ETS commerciali l'utente potrà adottare solamente il regime contabile 41.

 

 Regime impresa in contabilità semplificata (Reg. 43, 44, 53 e 54)

Se l’utente imposta i regimi contabili 43, 44, 53 o 54, è attivato il campo “Opz.sempl.” in cui è necessario specificare una delle tre opzioni di tenuta dei registri.

Le opzioni sono:

  1. Registro incassi e pagamenti
  2. Registri Iva integrati
  3. Iva senza separata indicazione di incassi e pagamenti

 

Regime speciale IVA

Il campo del regime speciale è abilitato solo quando il relativo regime contabile lo prevede. Nel nostro caso è il regime ai sensi della L. 398/1991:

 

Regime Contabile

Regimi speciali previsti

98 - Ente Non Commerciale in regime ai sensi della L. 398/1991 – bilancio per competenza

99 - Ente Non Commerciale in regime ai sensi della L. 398/1991 – bilancio per cassa

98 – Regime L.398/1991

 

Regime fiscale per F.E. (Fatturazione Elettronica)

In questo campo è necessario specificare il regime fiscale della ditta ai fini dell’emissione delle fatture elettroniche.

 

Il campo viene compilato in automatico dal software in base ai dati indicati nei campi:

  • Regime contabile
  • Regime speciale
  • Iva per cassa

 

Nella tabella che segue vediamo come viene compilato in automatico il campo in base ai tre dati indicati nell’elenco.

 

Regime contabile

Regime speciale

Iva per cassa

Regime fiscale F.E.

41 - ETS in contabilità ordinaria – bilancio per competenza

-

-

RF01 - Ordinario

42 - ETS in contabilità ordinaria – bilancio per cassa

-

-

43 - ETS in contabilità semplificata – bilancio per competenza

-

-

44 - ETS in contabilità semplificata – bilancio per cassa

-

-

51 - Ente Non Commerciale in contabilità ordinaria – bilancio per competenza

-

-

52 - Ente Non Commerciale in contabilità ordinaria – bilancio per cassa

-

-

53 - Ente Non Commerciale in contabilità semplificata – bilancio per competenza

-

-

54 - Ente Non Commerciale in contabilità semplificata – bilancio per cassa

-

-

Regimi compatibili (41, 42, 43, 44, 51, 52, 53, 54)

-

RF17 - Iva per cassa (art.32 bis, DL 83/2012)

 

Nel caso dei regimi contabili 98 e 99 il campo deve essere compilato dall’utente.

 

Periodicità IVA

Anche in questo caso non sono presenti sostanziali variazioni. L’unica nota è che nel caso di regime contabile 98, avendo peculiari caratteristiche, sarà:

 

LIMITATAMENTE AGLI ENTI IN REGIME AI SENSI DELLA LEGGE 398/1991 (REGIME CONTABILE 98 O 99)

La circolare dell'Agenzia delle Entrate 18/E/2018 indica che: “ai soggetti che hanno optato per la legge n. 398 del 1991, il regime forfetario Iva di cui all'articolo 74, sesto comma, del DPR n. 633 del 1972 si applica per tutti i proventi conseguiti nell'esercizio di attività commerciali “connesse agli scopi istituzionali” (v. articolo 9, comma 1, del DPR n. 544 del 1999). L’applicazione del regime agevolativo di cui alla legge n. 398 del 1991 è, pertanto, limitato alle prestazioni commerciali connesse alle attività istituzionali svolte associazioni o società sportive dilettantistiche senza fini di lucro. In sostanza, se un’associazione o società sportiva dilettantistica senza fini di lucro svolge un’attività commerciale autonoma e distinta da quella istituzionale, la stessa non può usufruire, per detta attività, del regime agevolato in argomento”.
Per i soggetti che applicano la legge 398 del 1991 l’Agenzia delle Entrate indica un trattamento differenziato circa i proventi commerciali non connessi all’attività istituzionale, ma solo ai fini IVA. L’applicazione del regime agevolativo di cui alla legge n. 398 del 1991 è, pertanto, limitato alle prestazioni commerciali connesse alle attività istituzionali svolte da associazioni o società sportive dilettantistiche. In sostanza, se un’associazione o società sportiva dilettantistica svolge un’attività commerciale autonoma e distinta da quella istituzionale, non può usufruire, per questa attività, del regime agevolato IVA. Conseguentemente, se in anagrafica si avrà un soggetto con entrambe le tipologie di operazioni IVA (connesse e non connesse agli scopi istituzionali), andranno impostate due attività IVA diverse con lo stesso regime contabile: una strettamente connessa ed una no.

 

L'attività finalizzata allo svolgimento di operazioni strettamente connesse alle attività istituzionali andrà così impostata: